mercoledì 29 luglio 2015

UORGHEIMS GIOCA AGE OF SIGMAR

Buon salve a tutti quanti amici uorgheimers,
confessate! Ci davate per dispersi, visto l'enorme periodo di assenza da questo blog!
Leggo nei vostri occhi sorpresa e commozzione mentre vi accingete a leggere queste prime righe. Eh lo so! Vi siamo mancati e vi stavate disperando. Ma non temete! Eccoci qui a ribadire ancora una volta che questo progetto è gestito da appassionati per appassionati, per cui, capirete come a volte, lunghi periodi di assenza siano comprensibili.
Ci comprensibilat... Comprendisi...Comprendete?

Allora allora, perchè questo post?
Per parlarvi della nostra prima partita a



Non vi riporteremo un vero e proprio battle report. Giusto giusto due immagini ed un piccolo video che abbiamo girato all'inizio della partita. Poi siamo rimasti troppo presi dal gioco e dalle nuove regole, e non abbiamo più fatto foto. Dopo il video troverete un estratto da uno scambio di mail e considerazioni tra il sottoscritto e Jimmy signore dei ratti. Spero gradirete.


Allora iniziamo con il video ed alcune foto:




Ed ecco le uniche foto che siamo riusciti a fare (che avete già visto nel video):









Ed ecco qui il nostro scambio di missive di cui vi accennavo prima.

Jimmy signore dei ratti
Esimio generale elfico.
Ti scrivo per parlarti un po' delle mie impressioni su AoS.

WOW.
É stata una doccia fredda! Davvero niente è rimasto come prima e penso impiegheremmo di nuovo diverse partite prima di prendere la mano con tutto.
Ma nonostante questo...mi è piaciuto parecchio. Davvero tanto,e credo abbia enormi potenzialità!
Ora come ora non resta che provarlo ancora e ancora,e quindi urge trovare un modo per bilanciare le nostre partite.
Secondo me la partita di ieri sera ha dimostrato una cosa prima di ogni altra: il nostro problema non sono i modelli che abbiamo. Certo, avendo comprato qualcosa più di me tu possiedi modelli difficilmente gestibili dal sottoscritto, ma penso questo non sia determinante,e sono convinto che con qualche tiro di dado migliore e con la possibilità di attaccare io per primo le cose sarebbero andate in modo nettamente differente :)
Secondo me l'unico discrimine reale che dobbiamo darci è la grandezza del tavolo; questa ha evidentemente reso inutili diverse unità,sia mie che tue,e spezzato le gambe ad altre.
In giro ho trovato una tabellina interessante per la stesura delle liste (che se vuoi ti linko)...però non sono più così sicuro sia giusto utilizzarle.
Nel senso che comincio a trovarmi molto d'accordo con chi su internet sostiene che AoS sia fatto per persone adulte,responsabili e intelligenti,capaci anche senza troppe restrizioni di giocare in modo che entrambi si possano divertire. Divertire è la parola chiave!
Questo significa che si può anche non preparare nessuna lista prima,ma decidere cosa e come e quanto giocare di volta in volta,direttamente sul tavolo!
Quindi ora ti chiedo: come decidiamo di giocarlo,questo AoS? Ci limitiamo,non ci limitiamo? La tua opinione su tutto?
Altra domanda: quando lo rigiochiamo che non vedo l'ora?


LoShAmAnO dalle orecchie puntute
Ciao carissmo generale veggente,
anche per me, l'impressione generale è più che positiva. Le potenzialità sono davvero molte. Concordo. E concordo anche che non possiamo pensare di giocare partite con tutti i modelli di ieri sera solo su due plance. Diciamo che ce ne sta mancando una di plancia per poterci allineare. Magari ci penso. Vediamo.
La cosa che mi è piaciuta molto è il colpo d'occhio del tavolo. Il fatto di muovere i singoli modelli mi piace tantissimo. Mi da l'idea di qualcosa di scacchistico. E la cosa mi piace moltissimo.
Lo snellimento delle regole l'ho trovato molto molto favorevole al nostro modo di giocare ed intendere il uorgheims in generale. Praticamente ieri sera il regolamento in sè non lo abbiamo più controllato, se non per poche cose. Abbiamo fatto avanti ed indietro sulle Warscrolls. Ma questo ci sta e personalmente mi piace (avendo scaricato l'app di AoS poi, avere tutto sul telefonino penso che velocizzerà ancora di più le cose).
Pensando alle vecchie partite in cui avevamo sempre il regolamento sotto mano mi fa dire che, da questo punto di vista, questo AoS va nella nostra direzione.
Altra considerazione: con questa modalità di gioco, potendo giocare dalla piccola e veloce partita  con pochi modelli (la partita giocata velocemente con Civa è stata bella -
Qui sio fa riferimento ad una breve partita dove Civax Dreadlord degli Elfi Oscuri ha combattuto con un uno sparuto numero di modelli - non più di dieci - contro il mio mago dragone...sconfiggendolo!) ad una partitona come ieri sera, AoS si adatta bene ad una modalità di gioco narrativa. Ogni scontro ha una storia alle spalle e tutte le partite e gli scontri in sieme compongono un lungo racconto. Per intenderci: penso che AoS possa potenziare quello che avevamo già fatto con l'Isola del Sangue - La Campagna.
Veniamo ora alla parte del bilanciamento: in giro su internet ho già letto di tutto. Mi viene da fare questa considerazione. Dato che questo è un gioco diverso da Warhammer Fantasy Battle, perchè dobbiamo portarci dietro per forza di cose il bilanciamento, come un retaggio del passato?
Dall'altra parte mi viene da pensare che forse, così com'è oggi AoS non riesce a compensare lo sbilanciamento in tutto e per tutto.
Dette queste cose giungo ad una conclusione che non è una vera conclusione, perchè prima vorrei capire da te una cosa. Cosa intendi quando dici che decidiamo di volta volta ad inizio partita? Decidiamo cosa schierare con dei criteri (numero di eroi, mostri e macchine ed unità...) o come?
In ogni caso, non scarterei a priori una modalità per bilanciare le partite. Anche se non mi piace, a pelle, del tutto.

Attendo una tua risposta per proseguire nel confronto.


Jimmy signore dei ratti
Sono contento che anche tu riesca a considerare il bilanciamento e l'edizione delle liste come un qualcosa di "vecchio"... perché è la stessa cosa che ho cominciato a percepire io pensandoci oggi a mente fredda.
La plancia in più non la vedo come una priorità, comunque.

Cosa intendo io? Intendo che, di volta in volta, schieriamo quello che ci sentiamo di schierare sul momento!
Un esempio su cui ho riflettuto è la possibilità (per me) di giocare con solo i modelli che sono (anche solo parzialmente) pittati... così mi incentivo a pittare =)
Oppure se voglio per una partita non utilizzare l'Abominio/gli Schiavi/i Corridori, lo faccio e metto dentro qualche altra roba, sperando di tirar bene i dadi e che le condizioni di Vittoria mi arridano... robe così. Senza stare troppo a pensare a quanto quello che gioco sia performante!
Insomma, penso proprio quello che pensi tu: ci conosciamo, sappiamo cos'è che ci piace davvero dell'universo dei Uorgheims e conosciamo i mezzi a nostra disposizione... facciamo tutto di conseguenza! =)

e con questo vi abbiamo detto tutto.
E voi vi siete già fatti un'impressione su questo nuovo Age of Sigmar?

...al prossimo incontro!
LoShAmAnO

2 commenti:

  1. La migliore recensione che si possa desiderare, i miei complimenti!

    RispondiElimina
  2. Ciao Luca, sempre gentile come sempre!

    RispondiElimina